Babele.

Posted on 12 aprile 2012

19


C’è una novità e devo proprio dirtela. C’è una novità che mi son appena accorta che è cambiato tutto e se non lo dico a qualcuno, a te, adesso, va a finire che scoppio, oppure che poi me ne dimentico e allora la cosa di essermene accorta non avrà più senso.
La novità è che sono cresciuta, che ho imparato a leggere e a scrivere in una lingua nuova e, da un mesetto a questa parte, anche a parlare e ascoltare con le mani in questa nuova lingua. Sono anni che va avanti questo processo nuovo di metabolizzazione con parole e suoni estranei ma così vicini ché il napoletano è sangue misto a spagnolo.
Era così evidente.

Ecco, la novità è che mi esprimo tutta nuova e adesso con queste parole nuove un sacco di cose che non riuscivano a trovare un loro senso, eppure io le sentivo urlare di significato e necessità, adesso hanno delle lettere e dei gesti per esprimersi.
Ogni parola nuova, ogni lingua che mi entra dentro un poco di più, è una nuova via e la novità è che prima mi sentivo spezzettata ma adesso, a casa, sento che si è ricomposto tutto e tutte queste lingue finalmente mi hanno resa intera.

Annunci