La fiera del baratto e dell’usato.

Posted on 2 luglio 2012

12


Rigirami le rose, i baci, le carezze.
Svendi quegli abbracci che nascondi
sotto al letto, accanto a quelle lettere
che è un pezzo che ricopi tutte uguali,
tutte belle e più che mai sincere.

Metti in saldo l’anima, poi strappati dal petto
il cuore che ti indossa, appoggialo su un foglio
e ricalcane i contorni, poi prendi questo
foglio e fanne mille fotocopie: fidati,
nessuno sospetterà sia un falso!

Rigirami la carne e spezzami le ossa,
aggiusta tutto in una scatola
con cura e devozione, prendi un
evidenziatore rosso, rispetta solo
questo sfizio, è l’unico che ho.

Scrivici il mio nome a lettere ordinate,
sigilla con un nastro che non sia troppo
elegante perché, sai, non mi si addice.
Mettilo col resto dei pezzi di te stesso
e svendi pure me che ormai non valgo molto.

Annunci
Posted in: Non prosa