Solo due parole.

Posted on 20 luglio 2012

6


C’è un bel sole che scalda ma l’aria resta fresca e gradevole.
Ti vedo sdraiata a leggere il tuo libro, a farti domande sul futuro, a sceglierti la vita che volevi, sì volevi, adesso non ne sei più molto sicura, neppure della reale consistenza di un desiderio antico. Hai obliato i desideri che spingevano la mente e il corpo fino a qualche tempo fa, adesso è un altro mondo, diverso e reale, almeno questo appare. Ma lascialo fuori ancora un po’ e resta lì sdraiata che il sole non è eterno e bisogna approfittarne.
Sei cambiata in destrezza e atteggiamento: quando ti muovi per le vie, inforcando gli occhiali scuri e le cuffie nelle orecchie, guardi fisso tutti gli uomini che sembrano appiccicarti gli occhi addosso e ti tieni quegli sguardi incollando, di rimando, i tuoi occhi su di loro ma con garbo e strafottenza, come fosse solo un caso, un incidente di percorso, in un attimo vai via.
Sei più bella quando parli con il peso dei tuoi anni, con le scelte da rifare e i progetti tutti nuovi, mutevoli e cambianti.
Semba che ti sia stufata e hai ragione a lamentarti, per questo guardo il sole attorno a te e credo che fai bene a meritarlo, che t’appartiene almeno adesso, domani, boh, chissà.

Annunci